L’acquasantiera del diavolo


Pag. 268: «A partire dall’anno seguente il parroco inizia una lunga serie di
viaggi nelle città dei dintorni, probabilmente per incontrare personaggi in grado di monetizzare gli oggetti preziosi rinvenuti nella cripta. Altre entrate provenivano sicuramente da un eccessivo “traffico” di messe celebrate in suffragio dei defunti del luogo; a causa di ciò verrà più volte ripreso dalle autorità religiose.
Tra il 1894 e il 1897 i lavori proseguono con la sistemazione del cortile e del cimitero, la ristrutturazione del presbiterio e l’acquisto di nuove statue, di varia misura e foggia, tra cui un inquietante demone alato, con tanto di corna ritorte e occhi fiammeggianti, che sostiene l’acquasantiera».

Questo slideshow richiede JavaScript.

Fonte: Commons Wikimedia


quick info


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...